SAGRES POESIE SPARSE SOPRA VENTO - ALDO STROPPI - ABBIATEGRASSO

Vai ai contenuti

Sagres

Scrutare l'orizzonte e superarlo per ritrovarne un altro ancora verso cui puntare

Sagres Poesie sparse sopra vento

Poesie di un amore violato

Voci, versi sparsi sfruttando un vento che sembra non cessare mai, perchè si perdano o si diffondano. Spazi ampi, che lasciano correre veloci, che nulla trattengono, che proprio il desiderio di andare stimolano dentro. C'è furore inquieto verso un futuro indistinto, blanda rassegnazione per un passato scolorito. Non è detto che il domani si debba attendere, che il futuro si possa costruire. Certo c'è passato, comunque. Non resta che percepirlo e farlo proprio per scrutare l'orizzonte e superarlo per ritrovarne un altro ancora verso cui puntare.
muoversi in esso,
Ho riscoperto il mare qui.
Certo qualcosa si è aperto in me, perso tra questi spazi aperti.
Forse perchè al di sopra, forse perchè al riparo da questo mare disteso che spaventa.
Forse rapito dallo sciabordio del mare che ritorna con ritmo diseguale.
O attratto dalla luce del faro che ritorna costante.
Mi piace fermarmi, seduto sulla roccia a strapiombo sul mare, lasciarmi frugare dal vento, osservare l'orizzonte che si confonde, conscio che niente cambierà, nessuno arriverà, né si turberà la massa d'acqua anche se increspata, e lasciare che il sole picchi a piombo o se ne vada oltre le nuvole arrossate e si tenga la sua luce.
Certo so cosa si può fare con una tavola a vela, e so che qui è meglio che in tanti altri posti.
Immagino soltanto l'ebrezza di cavalcare a tutto gas sulle onde o di tuffarsi per riprenderne i fondali.
Ho provato l'acqua gelida, le forti correnti che spingono al largo anche se sono chiuse tra pareti imponenti o lambiscono lunghe spiagge in anse ampie o ristrette...
Ma perchè proprio qui?
Le rocce si tuffano decise anche altrove.
Più a nord spira un vento più insidioso, più a est la distesa è più desolata. La terra finisce su ogni tratto più a ovest della costa.
Forse proprio per questo: perchè alle forze selvagge che regolano tutto più a nord si somma il tepore del sud, il calore della gente che è ancora come eravamo noi e può ancora cercare di esserlo.
Umile e ricca.
Senza affanno...

Il tramonto a Capo di S. Vincenzo

Sul bordo estremo della costa in attesa di un evento certo, almeno per la nostra storia

Vuoi leggere le prime pagine? Scaricale!

Puoi scaricare le prime pagine di ogni libro. Lasciami un messaggio.



Copyright 2019 by Aldo Stroppi - Tutti diritti riservati.
Aldo Stroppi
Torna ai contenuti